Disclaimer

I marchi (e le foto di personaggi famosi) utilizzati per alcuni "esperimenti grafici" (come quello dell'AS Roma e dei suoi sponsor) non appartengono alla LDL Design, ma ai legittimi proprietari. Essi sono pubblicati in questo sito a scopo puramente dimostrativo.

Informativa Cookies
Copyright

Tutte le elaborazioni grafiche, i loghi della sezione "Vectorial", i company profiles, le elaborazioni 3d ed i lavori presenti in questo sito e marchiati con il logo LDL sono di proprietà della LDL design. Essi sono sottoposti a licenza Creative Commons Italia (CC BY-NC-ND). Ne è pertanto permessa la riproduzione a patto che si attribuisca la paternità dell'opera alla LDL Design. Non sarà possibile utilizzare le opere per fini commerciali nè tantomeno è permesso alterarle o trasformarle per crearne altre. In caso di infrazione delle suddette norme la LDL design si riserva la possibilità di azioni legali contro i trasgressori.

ESSERE UN GRAFICO PUBBLICITARIO
Chi e' il grafico pubblicitario? Un creativo, un "artigiano", un curioso... ma, a volte, questa potrebbe sembrare una definizione generica, troppo generica.
Entrando più nello specifico potremmo dire che essere un grafico pubblicitario vuol dire veicolare un messaggio attraverso immagini, colori e forme. Il grafico pubblicitario, infatti, e' colui che traduce un concetto dandogli un impatto visivo. Come? Beh, interpretando al meglio il bozzetto fornito dall'art director o le richieste del cliente. Oppure utilizzando le tecniche della grafica come le gabbie d'impaginazione, il trattamento delle immagini, i caratteri tipografici, le teorie del colore ed i diversi tipi di supporto su cui stampare i propri lavori. Tutto questo basandosi su solide conoscenze degli strumenti tecnici come Photoshop, Illustrator et similia.
Negli anni di studio e lavoro come grafico pubblicitario ho affrontato diverse "sfide" (piccole e grandi). Dalla creazione di layouts per siti web all'ideazione e stampa di manifesti o volantini, dalla realizzazione di biglietti da visita alla più complessa scelta di grafiche accattivanti per intere corporate identities. Tutto questo mi ha portato, pian piano, ad avere sempre una maggiore consapevolezza del ruolo del grafico pubblicitario. Ma, in questo tipo di lavoro, non si puo' mai dire di essere "arrivati". C'e' sempre qualcosa da imparare, da sperimentare, da studiare per restare al passo e non perdere terreno inseguendo creazioni che "funzionino" sempre meglio.
Quanto e' giusto, quindi, definirsi un grafico pubblicitario? A volte penso che, anche dopo decenni di esperienza, sia più appropiato riferirsi a questa professione come "grafico pubblicitario in divenire".